La ciclicità della Poesia

Come diventare artista della vita

La ciclicità della Poesia

Riprendiamo il nostro appuntamento con la Poesia presentandovi i versi dell’Achmatova, come ormai sapete a me molto cara.

Qui lei si mostra quale donna innamorata. A tal punto da vegliare sull’amato addormentato (come è evidente nell’incipit). Anzi, addirittura, veglia sul sogno stesso che il suo uomo sta facendo.

Infatti lo straordinario di questa Poesia risiede appunto nel raccontarci le visioni stesse che il suo amato sta vivendo sognando addormentato. E’ così che incontriamo, percorrendo insieme ad osservatore ed osservato, un palazzo ed un lago, per esempio.

Questa Poesia termina con un inizio, potremmo dire, visto che per la prima volta l’essere amato pronuncia la parola Amore rivolgendosi alla propria donna, al risveglio.

Vi lascio ora alle parole del nostro Poeta, come voleva sempre essere definita l’Achmatova, utilizzando l’accezione maschile del termine.

 

“Sapevo che tu mi sognavi” di Anna Andreevna Achmatova

Sapevo che tu mi sognavi.

Perciò non potevo dormire,

azzurrina la fiamma d’un fanale

m’indicava la via.

 

Tu vedevi il giardino della Zarina,

il favoloso palazzo bianco

e il nero disegno dei cancelli

presso le logge di pietra sonora.

Camminavi, ignorando la strada

e pensavi: “Più presto, più presto!

purché io la trovi, purché

io non mi svegli, prima dell’incontro”.

 

Ma la guardia al portone d’onore

ti gridò: “Dove vai?”

Il ghiaccio si fendeva, scricchiolando,

l’acqua era nera sotto i piedi.

 

“Questo è il lago”, pensavi,

” e sul lago c’è un isolotto…”

D’un tratto sul buio fondo

brillò una fiammella azzurrina.

 

Nella luce avara del mattino

gemendo ti svegliasti,

e per la prima volta

mi chiamasti per nome.

Laura De Santis

Photo di copertina: Richard Tuschman

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *