Essere all’altezza dei sentimenti dei bambini

Come diventare artista della vita

Essere all’altezza dei sentimenti dei bambini

Janusz Korczak aveva trovato la chiave per entrare nel mondo dei bambini e ce lo dimostra con i versi che vi propongo oggi.

Korczak era pediatra, pedagogo, scrittore, poeta, libero pensatore e soprattutto si occupava dei bambini.

“Il bambino pensa con il sentimento, non con l’intelletto”.

Era un uomo capace di comprendere il punto di vista dei più piccoli e che si batteva affinché i loro diritti fossero rispettati.
Nato come uomo di scienza ma anche letterato sensibile, giunse a considerare un limite doversi occupare soltanto della patologia. E di conseguenza maturò l’idea, oggi attualissima, che per aiutare i bambini a crescere occorreva considerarli nella loro globalità e integrità, unificando i saperi della medicina, della psicologia, della pedagogia, ma anche della poesia e della storia.

Fondò nel ghetto di Varsavia la “Casa degli Orfani”, basata sul principio dell’autogestione da parte dei bambini, che sostenevano la struttura con lavori manuali, organizzavano attività culturali e artistiche, coordinavano un tribunale e realizzavano un giornale. La mattina del 5 agosto 1942 fu deportato a Treblinka insieme a tutti i suoi bambini, dove morirà in quanto ebreo.

Raccontava Giosuè Perlé:

Varsavia soffriva la fame, ma Janusz Korczak riusciva sempre a trovare i viveri per i suoi bambini. Venne l’ordine di deportare tutti gli ebrei. Non si sa se avesse spiegato ai bambini del suo orfanotrofio a che cosa dovessero prepararsi e dove sarebbero stati condotti. Si sa soltanto che quando gli assassini assalirono la casa di Via Sienna 16, i duecento innocenti condannati a morte non piangevano e si stringevano al loro maestro”

Korczak aveva imparato a vedere il mondo dal punto di vista di un bambino: proprio per questo i suoi allievi si fidavano di lui e lo consideravano un vero maestro.

E adesso è il momento di lasciarvi alle sue parole, proprio perché in un mondo sempre più in declino credo che innalzarsi per essere all’altezza delle nuove generazioni farebbe bene un po’ a tutti.

 

Dite:
è faticoso frequentare i bambini.
Avete ragione.
Poi aggiungete:
perché bisogna mettersi
 al loro livello,
abbassarsi, inclinarsi, curvarsi,
farsi piccoli.
Ora avete torto.
Non è questo che più stanca.
È piuttosto il fatto di essere
obbligati ad innalzarsi 
fino all’altezza
dei loro sentimenti.
Tirarsi, allungarsi,
alzarsi sulla 
punta dei piedi.
Per non ferirli.

L.T.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *