Natale in Sicilia

Come diventare artista della vita

Natale in Sicilia

Una poesia non è edulcorata, a tratti feroce per ricordarci che il mondo ci lascia spesso con la “vucca sicca” e la rabbia in corpo. La resilienza e la creatività sono l’unico modo per affrontarlo con forza e caparbietà. Tanti auguri a tutti voi!

Ncuntravu u Signuri – Ignazio Buttitta

Ncuntravu u Signuri pa strata
e ci dissi:
nun t’affrunti a caminari scausu?

Era stancu.
L’ossa arrusicati da càmula,
a tonaca sfardata
a vucca sicca
e circava acqua.

Facia pietati a vidillu.
Ma pinzannu a chiddu chi nni fici
pu piaciri di mittirinni o munnu
e vidirinni arrubbari, odiari, assicutari i danari
e gudiri du mali di l’autri,
vi dicu a virità:
non mi spunto’ na lacrima

E facia mprissioni
un picciotto di trentatrianni
beddu, iautu, ussutu,
e l’occhi di ova di palumma
figghiati nta pagghia

Facia mpressioni
da taliatura d’omo
ca traseva nto cori
cu ventu du ciatu,
nto cori comme lingua d’agneddu
e crapicchi di matri

Ma pinzannu chiddu chi ni feci
pu piaciri di vidirinni
scippari l’occhi l’unu cu l’autru,
scurciari l’unu cu l’autru, ammazzarinni
e chiantari banneri di vittoria
nte panze di morti,
vi dicu a veritati:
non mi spunto’ una lacrima

Ci dissi sulu:
megghiu si non nascevi,
non scinnevi nterra
e non murivi nta cruci.

Nuatri fussimu nenti,
né pampini né ciuri
e mancu carni punciuta di l’api
e manciata di vermi.

Fussimu nenti,
negghi senza timpesta
e senza trona e lampi nto cielu
e tirrimoto terra…

nenti

Era stancu,
mi taliava e chiancia
como unu nnocenti
che chiana o patibulu.

INCONTRAI IL SIGNORE 

Incontrai il Signore per la strada
e gli dissi:
non ti vergogni di camminare scalzo?

Era stanco.
Le ossa rosicchiate dal verme,
la tonaca stracciata
la bocca secca
e cercava acqua.

Faceva pietà a vederlo.
Ma pensando a quello che fece
per il piacere di metterci al mondo
e vederci rubare, odiare,
rincorrere i dinari
e godere del male degli altri,
vi dico la verità:
non spuntò una lacrima

E faceva impressione
un giovanotto di trentatre anni
bello, alto, ossuto,
e gli occhi come uova di colomba
fatti nella paglia

Faceva impressione
quello sguardo d’uomo
che entrava nel cuore
con vento del fiato,
nel cuore come una lingua d’agnello
e tette di madre

Ma pensando a quello che fece
per il piacere di vederci
strappare gli occhi l’uno con l’altro,
scorticare l’uno con l’altro, ammazzarci
e piantare bandiere di vittoria
nelle pance dei morti,
vi dico la verità:
non spuntò una lacrima

Gli dissi solo:
meglio se non nascevi,
non scendevi sulla terra
e non morivi sulla croce.

Noi non saremmo niente,
né foglie né fiori
e nemmanco carne punta dalle api
e mangiata dai vermi.

Non saremmo niente,
nebbie senza tempesta
e senza tuoni e lampi nel cielo
e terremoto sulla terra…
niente

Era stanco,
mi guardava e piangeva
come un’innocente
che sale al patibolo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *