#QuarantenaResiliente – I film da vedere in questi giorni [in continuo aggiornamento]

Come diventare artista della vita

#QuarantenaResiliente – I film da vedere in questi giorni [in continuo aggiornamento]

Quale momento migliore per recuperare quei film che non abbiamo avuto tempo e modo di vedere appena usciti al cinema oppure quei film che abbiamo sempre voluto vedere. Ecco dunque una lista di film vecchi, nuovi, da rivedere più e più volte, sempre in aggiornamento grazie al vostro contributo. Trascorriamo il tempo in modo Resiliente e Creativo!

Seguici anche su Facebook e Instagram!

Il mio vicino Totoro

Perché vederlo: Chi ha nostalgia della propria infanzia e vorrebbe tornare alla spontaneità e alla naturalezza tipica del mondo incantato della più tenera età, nonché della poetica di Miyazaky. Non perdetevi questo classico, ancora attuale, poetico e rassicurante come il gigante buono Totoro.

Perché non vederlo: Perché non vi piacciono i film di animazione.

Dove vederlo: su Netflix

Temi: Sorellanza, amore per la natura, famiglia, cultura giapponese, affrontare la malattia.

Consigliato da Krizia e Michele

Amabili Resti

Perché vederlo: Tra sogno e realtà, vediamo il mondo attraverso gli occhi di Susie…anche quando la vita le viene tolta nel peggiore dei modi. Ebbene sì, questo film è una riflessione sulla vita, sulla brutalità umana e le sue perversioni vista attraverso gli “amabili” occhi di Susie (Saoirsie Ronan). Come superare un lutto? Come andare avanti? Questa è una domanda che impegnerà non solo la famiglia della protagonista, ma anche la stessa Susie.

Perché non vederlo: perché pensate sia un giallo, un crime, e invece no, non lo è nel senso classico del termine.

Dove vederlo: su Netflix

Temi: Lutto, morte, aldilà, perdita di un familiare, accettazione della perdita, giustizia.

Consigliato da Alessandra

Poeti dall’inferno (Total Eclipse)

Perché vederlo: Siete amanti dei poeti maledetti, dei film biografici o ancor di più di Leonardo Di Caprio. Allora questo film fa al caso vostro. Ripercorre la vita e l’amore di Paul Verlaine e Arthur Rimbaud (un già bravissimo Di Caprio), la loro passione per la poesia e la vita e la loro relazione indispensabile, ma tossica al tempo stesso. Qui il nostro articolo sulla poesia di Verlaine, dedicata al suo amante, in cui proclama il suo amore fiero.

Perché non vederlo: Se non vi piace la vita sregolata e ai limiti dei poeti maledetti. E s se certi aspetti dei film anni ’90 vi fanno accapponare la pelle.

Temi: poeti maledetti, amore, arte, poesia

Consigliato da Laura

The Greatest Showman

Perché vederlo: Sentite la mancanza del palco e non vedete l’ora di tornare ad esibirvi. Il teatro, il palco è la vostra vita. Lottate per restituire dignità a chi è considerato “brutto” perché diverso, “freak” perché fuori dagli schemi alla quale siamo abituati. Questo è il vostro film. Il film che vi farà alzare in piedi cantando e ballando “This is me“. Questa/o sono io e lo canto con orgoglio.

Perché non vederlo: Perché non vi piacciono i Musical; la gente che canta e balla ogni due minuti toglie credibilità alla storia.

Temi: Accettare se stessi, l’importanza dell’arte e dello spettacolo

Consigliato da Claudia

A spasso con Bob

Perché vederlo: Se siete in cerca di un film più leggero, se siete amanti dei gatti e avete bisogno di quella tenerezza e di quelle coccole che solo gli amici animali possono darvi, ecco il film che fa per voi! Il film è tratto da una storia vera. E il gatto è il vero Bob!

Perché non vederlo: perché tolto il gatto non c’è molto.

Temi: amicizia tra esseri umani e animali, tossicodipendenza, senzatetto.

Consigliato da Ivan

Il Diavolo veste Prada

Perché vederlo: Se siete stufi di stare in pigiama o in tuta è arrivato il momento di sognare con gli outfit griffati di Runaway. Il Diavolo veste Prada è un classico che non muore mai, una commedia che ti strappa la risata.

Perché non vederlo: Non vederlo sarebbe un crimine! Abbiamo tutti terribilmente bisogno di Chanel.

Temi: sviluppo personale, moda, mondo del lavoro, resilienza.

Consigliato da Francesco

Polvere di Stelle con Alberto Sordi e Monica Vitti

Perché vederlo: i motivi sono quei due nomi accanto al titolo, due grandi per me! E poi è una sbirciata scherzosa e al tempo stesso malinconica, nella vita di chi vive d’arte.

Perché non vederlo: non pervenuti.

Temi: Mondo dello spettacolo, Seconda Guerra Mondiale, Vita da artisti.

Consigliato da Katiuscia

The Truman Show

Non possiamo non pensare a questo film in questo periodo.

Perché vederlo: il lieto fine, riuscire a uscirne prima o poi!

Perché non vederlo: è il riflesso cinematografica della realtà alienante che stiamo vivendo nel quotidiano in questo periodo.

Temi: Reality Show, Manipolazione, Identità.

Consigliato da Lara

Cast Away

Perché vederlo: penso sia adatto a questo periodo di quarantena. Molti si lamentano della reclusione, ma la visione ci può far rendere conto di quanto noi siamo fortunati perché Chuck Noland non aveva niente….

Perché non vederlo: forse aumenta il senso di solitudine.

Temi: Incidente aereo, naufrago, sopravvivenza.

Consigliato da Matteo

Deserto Rosso

Perché vederlo: ci mostra l’inizio dello stato di alienazione a cui porta la società contemporanea con l’industrializzazione, le macchine e il boom economico.

Perché non vederlo: non ho un motivo per non vederlo. ( La redazione aggiunge che se non vi piacciono i film d’autore questo lo è totalmente.)

Temi: Alienazione, Uomo vs. Società, Depressione.

Consigliato da Chiara

2022: i sopravissuti

Perché vederlo: se vuoi vedere un film catastrofico senza avere la sensazione di essere infettato da qualche virus o batterio mortale.

Perché non vederlo: non vuoi avere la sensazione che l’umanità sia alla deriva totale.

Temi: Catastrofi, fantascienza, inquinamento.

Consigliato da Dario

Io sono leggenda

Perché vederlo: perché Will dà un bel calcio a un virus.

Perché non vederlo: lo scenario post apocalittico può angosciare.

Temi: solitudine, apocalisse, resilienza.

Consigliato da Valentina

Mary Poppins

Perché vederlo: solo lei riuscirebbe a intrattenerci a casa divertendosi e facendoci divertire.

Perché non vederlo: alla fine Mary va via e noi torniamo tutti alla disperazione e alla depressione.

Temi: Musical, magia, bambini, educazione.

Consigliato da Angelo

The Walk

Perché vederlo: immedesimazione assicurata con il protagonista.

Perché non vederlo: non mette solo ansia, questo film è l’ansia.

Temi: Superare i limiti, biografico, resilienza.

P.s. Non posso udire altro, sennò spoilerizzo il film.

Consigliato da Matteo

La finestra sul cortile

Perché vederlo: oltre ad essere uno dei miei film preferiti di Hitchcock, credo che sia perfetto per la situazione in cui ci troviamo, bloccati a casa e costretti a guardare il mondo da una finestra e a scrutare quel che accade nelle altre case, nelle altre vite dalla nostra piccola prospettiva.

Perché non vederlo: forse è davvero troppo simile alla nostra situazione attuale.

Temi: fotografia, vicinato, relazioni con gli altri, isolamento.

Consigliato da Katiuscia

Staying alive

Perché vederlo: Guardalo se hai bisogno di una carica di adrenalina in questo momento dove c’è bisogno di un po’ di spensieratezza e leggerezza.

Perché non vederlo: Non guardarlo se ti manca troppo la danza… Tutto il tuo corpo, ogni singolo muscolo non potrà stare fermo e dopo averlo visto avrai ancora più voglia di tornare a ballare.

Temi: vita di un ballerino, danza, amore.

Consigliato da Carlotta

Shining

Perché vederlo: Jack Nicholson e la sua ascia, l’inquietudine che regna nell’Overlook ci distrae dalla nostra angoscia e ovviamente la “luccicanza”!

Perché non vederlo: strane idee su una famiglia isolata e un uomo impazzito.

Temi: psicosi, isolamento, dipendenza.

Consigliato da Valentina

Blues Brothers

Perché vederlo: buone azioni, musica fantastica, il miglior inseguimento della storia del cinema.

Perché non vederlo: solo se si è “nimico ra cuntintizza” (nemico della felicità), come si dice a Palermo.

Temi: blues, orfani, vita dopo la prigione, amicizia.

Consigliato da Anna

Harold and Maude

“Il mondo non ha bisogno di altri muri. Quello che dobbiamo fare, tutti quanti, è costuire più ponti!”

Maude nel film

Perché vederlo: in modo semplice e divertente racconta di quanto sia importante costruire relazioni vere e intense, in cui poter essere se stessi.

Perché non vederlo: essendo del 1971 è difficile reperirlo.

Temi: amicizia, essere diversi, vecchi e giovani.

Consigliato da Valentina

L’esercito delle 12 Scimmie

Perché vederlo: ha un cast fantastico, è a tema con il periodo, è degli anni ’90 ( e si sa che gli anni ’90 vanno sempre riportati in auge, altrimenti si perdono un sacco di film fantastici). È diretto da Terry Gillian con un Bruce Willis a cui il regista fece un elenco di tutte le espressioni che non doveva fare e un Brad Pitt che fa il matto e lo fa veramente bene (infatti dopo quel film divenne famoso).

Perché non vederlo: è la storia di un virus che uccide 5 miliardi di persone.

Temi: apocalisse, ambiente, viaggi nel tempo.

Consigliato da Krizia

L’ora più buia

Perchè vederlo: in momenti difficili è sempre bene tornare a rispolverare la storia e cosa essa ha ancora da insegnarci. Questa è l’occasione per ritrovarsi al fianco di Winston Churchill in un momento difficile per la storia non solo dell’Inghilterra, ma del continente tutto. L’Europa rischiava di cadere nelle mani del nazismo se non fosse stato per il coraggio e l’abilità del più grande statista di tutti i tempi che seppe fronteggiare la minaccia nazista lottando e non tirandosi indietro. Questo film ci insegna ad essere lungimiranti e a portare avanti con coraggio le nostre scelte.

Perchè non vederlo: Perchè in questo momento vedete tutto buio e non volete sommarne altro.

Temi: Coraggio, storia , Seconda Guerra Mondiale

Consigliato da Alessandra

Lars e una ragazza tutta sua

Perchè vederlo: perchè dopo tanta solitudine e perdita di cognizione della realtà, quando tutto sembra perduto, arriva comunque l’happy ending!

Perchè non vederlo: a volte l’isolamento porta a strane derive (e in questa quarantena siamo tutti a rischio)

Temi: solitudine, psicosi, relazione

Consigliato da Gianluca

La storia infinita

Perchè vederlo: in fondo anche noi stiamo vivendo in una specie di Fàntasia minacciata da questo terribile NULLA che attacca intere regioni…e mai come ora vorremmo volare sulle ali della fantasia per difendere il nostro regno e sentirci di nuovo liberi!

Perchè non vederlo: non c’è un motivo valido per non vederlo, soprattutto se anche voi non vedete l’ora di intonare la famosa colonna sonora come Dustin e Susie in Stranger Things!

Temi: fantasia, mondo dei libri, coraggio e crescita personale.

Consigliato dal piccolo Mario

Continuate a suggerirci film da vedere e scrivete cosa state vedendo in questi giorni di quarantena. Li aggiungeremo a questa lista!

Dolor y Gloria

Perché vederlo: Pedro Almodóvar e l’intero Cast, lasciano il segno. Un racconto, una poesia, che commuove nella sua apparente semplicità…

Perché non vederlo: se non si apprezza Almodovar, non si può apprezzare un film che è una riflessione sul suo fare cinema.

Temi: famiglia, ispirazione, maturità, infanzia.

Consigliato da Francesco

Julie and Julia

Perché vederlo: sia Meryl Streep che Amy Adams fanno delle interpretazioni da urlo. In più trasmette il messaggio che ” anche se ti senti di girare a vuoto intorno alla tua vita, puoi sempre trovare il modo di prendere in mano la situazione e cambiare percorso”. E poi c’è un tenerissimo Stanley Tucci.

Perché non vederlo: se non ce la fate più a sentir parlare di cucina, questo non è il film per voi… verrete inondati da chili di burro!

Temi: donne forti, cucina (tanta), sviluppo personale.

Consigliato da Laura

L’inganno perfetto

Perché vederlo: Una coppia da urlo, quella composta da Helen Mirren e Ian McKellen, un titolo fantastico, una truffa machiavellica. Consigliatissimo!

Perché non vederlo: non amate gli inganni, neanche nei film.

Temi: truffe geniali, incontri su internet.

Consigliato da Francesco

Homecoming: a film by Beyoncé

Perché vederlo: è una dose di energia garantita! Il documentario va oltre la semplice visione di un magnifico spettacolo, ma offre tanti spunti interessanti sul ruolo delle donne nella società e sulla cultura afroamericana. Inoltre mostra quanto lavoro, fatica e difficoltà ci affrontano nel preparare uno spettacolo che ha come obiettivo la perfezione del messaggio comunicativo.

Perché non vederlo: non vi piacciono i concerti.

Temi: documentario, empowerment, storia afroamericana, musica, donne resilienti.

Consigliato da Alessandra e Laura

VUOI TRASFORMARE AL TUA VITA IN UN'OPERA D'ARTE?
Resta aggiornato. Ricevi contenuti esclusivi gratuitamente!
Nel rispetto della tua privacy

 

Rispondi