Una prigione diventa un’amica | Letture in Salotto

Come diventare artista della vita

Una prigione diventa un’amica | Letture in Salotto

Oggi leggiamo insieme la suggestiva poesia di Emily Dickinson con la voce e la traduzione di Laura Tedesco e le riprese di Alessandra Notaro.

Fin dall’inizio della quarantena ci sono tornate in mente le parole di questa poesia scritta dalla grande Emily Dickinson.

Una poesia che, secondo noi, esprime perfettamente i sentimenti e le riflessioni di questo periodo.

Adesso che sta iniziando la seconda fase, pensiamo che abbandonare “la nostra prigione” ci richiederà un grande atto di coraggio e di responsabilità. Altrimenti rischieremo di eludere la vera Libertà perdendoci dietro a un Sogno appagante, ma in fin dei conti inconsistente.

Qui sotto potete trovare la versione originale della poesia:

A Prison gets to be a friend –

Between it’s Ponderous face

And Our’s – a Kinsmanship express –

And in it’s narrow Eyes –

We come to look with gratitude

For the appointed Beam

It deal us – stated as Our food –

And hungered for – the same –

We learn to know the Planks –

That answer to Our feet –

So miserable a sound – at first –

Nor even now – so sweet –

As plashing in the Pools –

When Memory was a Boy –

But a Demurer Circuit –

A Geometric Joy –

The Posture of the Key

That interrupt the Day

To Our Endeavor – Not so real

The Check of Liberty –

As this Phantasm Steel –

Whose features – Day and Night –

Are present to us – as Our Own –

And as escapeless – quite –

The narrow Round – the Stint –

The slow exchange of Hope –

For something passiver – Content

Too steep for lookinp up –

The Liberty we knew

Avoided – like a Dream –

Too wide for any night but Heaven –

If That – indeed – redeem –

 

Rispondi