Oasi e Deserti in Salotto con MARIA ROSA CUTRUFELLI | Festival delle Letterature Migranti

Come diventare artista della vita

Oasi e Deserti in Salotto con MARIA ROSA CUTRUFELLI | Festival delle Letterature Migranti

La prima ospite di questa giornata è Maria Rosa Cutrufelli, autrice del libro “L’isola delle Madri” romanzo distopico, e forse anche un po’ utopico, nato da una riflessione attualissima sulle conseguenze del cambiamento climatico sugli esseri umani.

Una bella e profonda conversazione condotta da Laura Tedesco su cosa significa essere madri ed essere figli oggi e sul bisogno primordiale di conoscere la propria storia. E con un piccolo e doveroso momento dedicato all’ascolto de “L’Isola delle Madri”.

Trama de “L’isola delle madri”

In un mondo sconvolto dal mutamento climatico e definitivamente avvelenato dagli uomini, in un futuro non troppo lontano, un morbo si è diffuso fino a diventare una vera pandemia: la chiamano “malattia del vuoto” ed è l’incapacità di riprodursi, la sterilità. Per avere un domani, l’umanità è costretta a ricorrere in forme sempre più pesanti alle biotecnologie. La società si divide in due fazioni contrapposte che si combattono furiosamente: da una parte ci sono gli “uomini della scienza”, dall’altra gli “uomini della vita”. Ma le donne da che parte stanno? In mezzo al Mediterraneo c’è un’isola conosciuta fin dall’antichità come l’Isola delle madri, e su questo lembo di terra sorge la Casa della maternità, un posto speciale che non è solo una clinica come tante altre, ma anche un centro di ricerca dove si tenta di sconfiggere la malattia del vuoto e in cui prende forma un nuovo modo di spartirsi i tradizionali ruoli familiari. Livia, Mariama e Kateryna hanno storie profondamente diverse e sono cresciute in paesi lontani, ma ognuna di loro – chi per lavoro, chi per mettersi al riparo da una guerra, chi spinta dall’onda lunga dell’emigrazione – è destinata ad approdare sull’isola. Una volta sbarcate, le loro vite si intrecciano inevitabilmente, anche grazie all’intervento di Sara, la direttrice della Casa della maternità. Perché tutte e quattro devono fare i conti con lo stesso problema: la possibilità o l’impossibilità di essere madri. E i tanti modi di esserlo e di diventarlo. Romanzo visionario e terribilmente realistico al tempo stesso, L’isola delle madri è una riflessione necessaria sui cambiamenti che il surriscaldamento globale e le biotecnologie riproduttive provocheranno negli uomini e nelle società, ma è anche un luminoso inno alla vita, che ripone ogni speranza nella capacità delle donne di parlarsi, unirsi, lottare e costruire insieme.

Festival delle Letterature Migranti

www.festivaldelleletteraturemigranti.it

L.T.

 

Rispondi