Blog

Come diventare artista della vita

Non sempre guardare è vedere. La neve vista con gli occhi di Gianni Rodari.

Rodari ha sempre il potere si stupirmi ed incantarmi. Con l’uso delle sue parole, col suono che ne esce dal modo in cui le inanella, con il ritmo interno specialissimo ed inconfondibile e, come tutte le cose grandi, sembra semplice ed arriva diretta al cuore di chi ascolta o legge, siano essi bambini o grandi.

Conosciamo “Andrea Chenier” in stagione al Teatro La Scala

‘Andrea Chénier’ di Umberto Giordano apre quest’anno la stagione de La Scala di Milano. Se pensate di non conoscere un pochino quest’opera, vi comunico che vi sbagliate.

Io odio fare i regali  – 5 curiosità per 5 regali in stile Salotto della Resilienza Creativa.

Io odio fare i regali. Odio fare i regali, soprattutto in questo periodo dell’anno. Interminabili tour nei negozi e poi tornare a casa con calzini, mutandine, guanti e altre cose, che immaginavo sarebbero stati dei perfetti inutili regali.

“L’omo preferisce la gallina” dice Trilussa

Spesso nella vita immaginiamo che una tale cosa potrebbe piacere più di un’altra, risultare gradita e di conseguenza noi ‘possessori’ della tale cosa. L’essere umano, da che mondo è mondo, ha basato se stesso per lo più sulla necessità di essere appagato dallo sguardo compiacente di qualcuno esterno a lui.

L’altra faccia del Natale e Ungaretti

Ormai si fa il conto alla rovescia per l’arrivo di questo giorno. Ma non tutti o almeno non sempre.

Prescrivimi un libro: i benefici psicologici della biblioterapia

La Biblioterapia è uno strumento psicologico che, attraverso la lettura e la scrittura, favorisce la cura di sé e la conoscenza di altri modi di pensare, di vivere e di essere.

Il porto sepolto di Giuseppe Ungaretti

La Poesia deve essere un dardo, penso. Essenza precisa, scagliata nel centro della sostanza delle cose. Così è la Poesia di Ungaretti e Caproni per esempio.

Il Furore di Bruce Springsteen

Le Arti sono vasi comunicanti fra loro. E’ una cosa in cui credo, che ripeto spesso  e che continuamente si evidenzia nella realtà delle connessioni che possiamo scoprire.

“C’è il tuo genio nel tuo sorriso” disse Sibilla Aleramo

Non so precisamente chi sia l’ispiratore di questi versi. Cosa che poco importa, probabilmente, perché in fondo la Poesia appartiene più a chi la legge che a chi l’ha scritta.

Venerdì 17 2017- Piccolo manuale di sopravvivenza

È appena passato e tu sei sopravvissuto. Cornetti, ferri di cavallo e quadrifogli erano pronti sul comodino. E visto che c’eri, hai tirato fuori dal cassetto in cui l’avevi dimenticata, l’immaginetta di Maria delle Grazie che ti ha dato la nonna.