Una serie di sfortunati eventi| La ricetta per resistere alle difficoltà

Come diventare artista della vita

Una serie di sfortunati eventi| La ricetta per resistere alle difficoltà

Lunedì mattina, il momento più sfigato della settimana. Decidi di abbandonare il tuo caldo lettuccio e vai a fare colazione.  Metti a fare il caffè e mentre sei distratto da Instagram, ti scordi della macchinetta e tutto il caffè va a finire sul piano cottura. Rifai il caffè.

Finalmente esci di casa, ma è già tardi! Decidi di prendere l’autobus per andare a lavoro.  L’autobus non passa. Aspetti 20 minuti ma niente.  Decidi di andare a piedi e non appena hai fatto 200 metri dalla fermata del bus, eccolo che sfreccia raggiante! Ti maledici e continui a piedi. Inizia a piovere.

Una serie di sfortunati eventi che hanno rovinato la tua giornata. Cosa puoi fare?
Potresti prendertela con il mondo, il destino, Dio, Buddha e il Karma per la tua grande sfiga.
Potresti passare la giornata a lamentarti con i tuoi colleghi di quanto tu abbia bisogno di andare a  fare un bagno a Lourdes, mentre loro annoiati preferirebbero far fotocopie.
Oppure potresti resiste e aspettare di tornare a casa, prepararti una gustosa cena e incontrare i fratelli Baudelaire su Netflix.

Violet, Klaus e Sunny Baudelaire sono i protagonisti di “Una serie di sfortunati eventi”.
La storia, come capiamo dal titolo, parla di una serie di situazioni sfortunate che capitano a tre bambini. Dopo aver perso i genitori nell’incendio della loro casa, i tre sono costretti a vivere con un malvagio tutore, il Conte Olaf, che puntualmente cerca di farli fuori per prendere loro l’eredità.
Tra case decadenti, laghi lacrimosi e collezioni di rettili, i tre bambini dovranno affrontare mille peripezie per sottrarsi alle grinfie del Conte.

Il libro: Una serie di sfortunati eventi di Lemony Snicket


soue2520lede

Sebbene non manchino i momenti cupi, la storia è ricca di spunti comici e humor nero.  Ma quello che più ti piacerà sarà la tenacia dei piccoli Baudelaire. Non si arrendono mai di fronte le difficoltà, ma usano le proprie doti per scampare ai pericoli.

Violet, lontana dal cliché della principessa che deve essere salvata, è come un piccolo ingegnere meccanico, capace di costruire marchingegni strabilianti per salvare lei e i suoi fratelli.  Klaus un appassionato lettore, capace di scovare di tutto nei libri.  La piccola Sunny con dentini affilati pronti a rosicchiare chiavi e lucchetti.

Leggi anche: 5 qualità per diventare eroine

Non solo divertente ma, “Una serie di sfortunati eventi” è ricco di spunti e citazioni musicali, letterali e persino scientifiche. Ho scoperto l’esistenza del musicista Tito Puente grazie a Sunny.

“Una serie di sfortunati eventi”  è come ha detto Vanity Fair USA “strano, meraviglioso capolavoro – una buffa dramedy gotica che potrebbe benissimo essere il risultato di ciò che accadrebbe se Wes Anderson e Tim Burton decidessero di fare insieme una serie televisiva”.

Violet, Klaus, Sunny  la loro coraggiosa perseveranza sono uno spunto importante per ricordare una bellissima citazione sulla felicità e in qualche modo sulla resistenza alle difficoltà :
Non è vero che la felicità significhi una vita senza problemi. La vita felice viene dal superamento dei problemi, dalla lotta contro i problemi, dal risolvere le difficoltà, le sfide. Bisogna affrontare le sfide, fare del proprio meglio. Si raggiunge la felicità quando ci si rende conto di riuscire a controllare le sfide proposte dal fato”. – Zygmunt Bauman

unfortunateeventss1e8violetklaussunny

Martedì mattina. La storia si ripete. Ma stavolta stai sorridendo ugualmente.

N.B. Se sei un fan di “How i met your mother”, c’è un’ulteriore ragione per vedere “una serie di sfortunati eventi”. Ti do un indizio: Il conte Olaf!

Valentina Freni

Qui di seguito il trailer ufficiale della serie.

Valentina Freni

SCOPRI ALTRI LIBRI PER CRESCERE
We respect your privacy.

Offri un caffè all’autrice

VUOI TRASFORMARE AL TUA VITA IN UN'OPERA D'ARTE?
Resta aggiornato. Ricevi contenuti esclusivi gratuitamente!
Nel rispetto della tua privacy

 

Rispondi