Andando a scuola, in bicicletta

Come diventare artista della vita

Andando a scuola, in bicicletta

Per inaugurare il nuovo anno scolastico ecco per voi i versi dell’amato Giorgio Caproni.

Siamo decisamente in atmosfera gotica (pensate per esempio ai film di Tim Burton e scorrete i versi…non vi sembra di vedere il protagonista percorrere strade avvolto dalla nebbia del mattino?!)

La bicicletta ricorre nelle Poesie di Caproni, come un simbolo utilizzato per indagare il viaggio, ma anche la trasformazione. Questo componimento si trova nella raccolta Altri Versi ed è il secondo.

Che lo spostamento in bici sia metafora del viaggio non vi è dubbio, come ci indicano i versi ‘Con l’anima mia stretta/ E abbottonata, anch’io/ pedalando al mio dio’ (anzi addirittura si fa viatico per meditare ea arrivare, in qualche modo, ad un dio)

Caproni non sottolinea qui il viaggio in sé ma lo stato d’animo nell’effettuarlo. D’altra parte, si sa, non è quanto accade importante quanto il ‘come’ reagiamo a queste cose.

Andando a scuola Giorgio Caproni

Un prete in bicicletta

all’alba, che fretta.

 

Con l’anima mia stretta

E abbottonata, anch’io

pedalando al mio dio

me n’andavo, in disdetta.

 

Il cuore aveva fretta

più del piede, e batteva.

Ma dove mai correva

(nella nebbia) a quell’ora?

 

La mente brancolava

cercando, nota, la strada.

E ahi se mi strozzava

stretta intorno alla gola

(quel prete in bicicletta!)

umida la giacchetta.

 

Perdevo moglie e figli,

lo sentivo, fra i tigli.

Perdevo andando a scuola,

nell’acqua di quell’aurora,

tutta l’intera vita

mia, consumata in salita.

 

Davvero mai fu più assassino

(mai) nel mio petto il mattino.

Laura  De Santis

VUOI TRASFORMARE AL TUA VITA IN UN'OPERA D'ARTE?
Resta aggiornato. Ricevi contenuti esclusivi gratuitamente!
Nel rispetto della tua privacy

 

Rispondi