Emma Thompson legge “Gentilezza” di Naomi Shihab Nye

Come diventare artista della vita

Emma Thompson legge “Gentilezza” di Naomi Shihab Nye

La sempre meravigliosa Emma Thompson legge “Gentilezza” di Naomi Shihab Nye e la dedica ai noi stessi del futuro, a quelli che saremo dopo questa pandemia. Un sentimento luminoso, pieno fino all’orlo di speranza. Ed è ciò di cui abbiamo bisogno, ciò di cui avremo sempre bisogno, ogni giorno di più.

La Thompson legge la poesia rispondendo all’invito di The Poetry Farmacy, una farmacia speciale che prescrive versi invece che pillole ai suoi ” pazienti”, e di Emilia Clarke, che da qualche mese sta sostenendo l’iniziativa in prima persona.

Alle due attrici si sono uniti vari attori inglesi tra cui Idris Elba, Helena Bonham Carter ed Andrew Scott. Ognuno di loro legge una poesia accompagnata da una prescrizione fatta ad hoc in base al disturbo diagnosticato dal paziente.

Nel caso di Emma si parla di una malattia piuttosto comune in tempi così complessi e stressanti: la necessità di ricevere gentilezza.

Ed ecco quindi la prescrizione della Poetry Farmacy.

Patologia : bisogno di gentilezza.


“Ci sono momenti nella vita in cui tutto ciò su cui pensavamo di poter fare affidamento fallisce e tutto ciò che abbiamo voluto per noi stessi si dissolve davanti a noi. Ci sono momenti, inoltre, in cui anche chi ci circonda prova la stessa sofferenza. Di fronte alla vastità della miseria del mondo, può essere dolorosamente difficile impegnarsi in modo significativo ed è fin troppo allettante reagire semplicemente costruendo una corazza intorno ai nostri cuori e allontanando così ogni forma di sofferenza.

Tuttavia, come ci dice Naomi Shihab Nye in questa poesia ispiratrice, questi momenti, per quanto duri, sono anche un’opportunità, se solo osiamo aprire i nostri cuori a ciò che ci circonda. Perché è solo facendo i conti con il vero dolore e la desolazione che possiamo arrivare a capire esattamente quanto sia necessaria, quanto sia addirittura vitale, la gentilezza, e di conseguenza muoverci verso di essa.

Per prima cosa, tuttavia, dobbiamo imparare la vera empatia. “Gentilezza”, dopotutto, è solo un’altra parola per dire amore – e una volta che abbiamo riconosciuto che il dolore degli altri è esattamente bruciante come il nostro, cosa possiamo fare se non amarli? Cosa possiamo fare se non cercare di alleviare il loro fardello?

Come suggerisce meravigliosamente la Nye, nient’altro può avere più senso di questo.

Si tratta di una sfida. Anche nei nostri punti più bassi, non dobbiamo ignorare la sofferenza degli altri: non dobbiamo permettere che il solipsismo della nostra miseria personale ci tagli fuori dal grande tessuto del sentimento umano.

Tuttavia si tratta anche di una consolazione: se rifiutiamo quell’isolamento, possiamo trarre conforto dal sapere che qualunque perdita, qualunque dolore ci metta a nudo ci condurrà alla gentilezza.

Guardando il dolore negli occhi, possiamo trovare la gentilezza necessaria per raggiungere non solo gli altri, ma anche noi stessi. Legherà le nostre scarpe per noi; ci riporterà nel mondo quando tutto il resto ci avrà abbandonato.

Così non ci resta che guardare negli occhi il nostro dolore e lasciare che la luce di questo sentimento ci abbagli e ci riporti alla vita.”

Vi lasciamo al video con la meravigliosa lettura di Emma Thompson e alla lettura della traduzione di questa bellissima poesia.

View this post on Instagram

The ever glorious and wonderful Emma Thompson reads “Kindness” by Naomi Shihab Nye. Emma would like to dedicate this poem to our future selves, who we will be after this pandemic. What a glorious sentiment that is, filled to the brim with hope. What we need, what we always need, most. Here is the prescription as written in @thepoetrypharmacy @thepoetryremedy. Condition: Need for Kindness There are times in life when everything we thought we could rely on fails, and everything we have wanted for ourselves dissolves in front of us. There are times, also, when we are confronted with the same suffering in others. Faced with the sheer scale of the misery of the world, it can be agonizingly difficult to engage meaningfully- and all too tempting simply to harden our hearts against it. Yet, as Naomi Shihab Nye tells us in this inspiring poem, those moments- hard as they are- are also an opportunity, if we will only dare to open our hearts. For it is only by reckoning with true sorrow and desolation that we can come to understand exactly how necessary, how life-preserving, kindess really is, and then move towards it. First, however, we must learn true empathy. ‘Kindness’, after all, is just another word for love- and once we’ve acknowledged that the pain of others is exactly as searing as our own, what can we do but love them? What can we do but try to ease their burden? As Nye so wonderfully suggests, nothing else makes sense. This is a challenge. Even at our lowest points, we must not ignore the suffering of others: we must not allow the solipsism of personal misery to cut us off from the great cloth of human feeling. Yet it is also a consolation: if we reject that isolation, we can take comfort in knowing that whatever loss lays us bare will also bring us into the presence of kindness. By looking pain in the eye, we can find the kindness needed to reach out not only to others, but to ourselves, as well. It will tie our shoes for us; it will lead us back into the world when everything else has abandoned us. So gaze unflinchingly into the bright light of loss, and let kindness be unleashed from you like a soothing shadow. Big Thank you Big Em! 🥰🕊🙌

A post shared by @ emilia_clarke on

Gentilezza di Naomi Shihab Nye

Prima che tu sappia veramente cos’è la gentilezza,

devi perdere le cose,

sentire il futuro che si dissolve in un momento

come il sale in un brodo leggero.

Ciò che tenevi nella tua mano,

ciò che avevi contato e risparmiato con attenzione,

tutto questo deve andare così che tu possa conoscere

quanto può essere desolato il paesaggio

fuori dalle regioni della gentilezza.

Come continui a viaggiare

pensando che il pullman non si fermerà mai,

che i passeggeri che mangiano granoturco e pollo

guarderanno fuori dal finestrino per sempre.

Prima che tu conosca la tenera gravità della gentilezza,

devi arrivare là dove l’Indiano in un poncho bianco

giace morto su un lato della strada.

Devi vedere che quello potresti essere tu,

che anche lui era qualcuno

che viaggiava nella notte

con dei piani e con il semplice respiro

che lo teneva in vita.

Prima che tu conosca la gentilezza

come la cosa più profonda che hai dentro,

devi conoscere il dolore come l’altra cosa più profonda.

Devi svegliarti con il dolore.

Devi parlargli sino a quando la tua voce

trova il filo di tutti i dolori

e vedi il bandolo della matassa.

Allora solo la gentilezza

avrà un senso,

solo la gentilezza ti allaccerà le scarpe

e ti manderà fuori nel giorno

a spedire lettere e a comprare il pane,

solo la gentilezza alzerà la testa

in mezzo alla folla del mondo per dirti

“sei tu la persona che cercavo”,

e poi verrà con te ovunque

come un’ombra o un amico.

Naomi Shihab Nye

(Traduzione Carolina Traverso)

 

Rispondi